Vicenza, Franceschini: «Tav non rovina paesaggio»

«L’Italia, e di conseguenza Vicenza ha bisogno di grandi infrastrutture. E ciò non vuol dire rovinare il paesaggio». Così sul Giornale di Vicenza il ministro dei beni culturali, Dario Franceschini, interviene sul progetto dell’alta velocità e il suo impatto sul territorio nell’occasione della sua visita nel capoluogo berico. «Non sta scritto da nessuna parte che realizzare infrastrutture moderne sia in contrasto con la tutela del paesaggio e del patrimonio architettonico o artistico – ha proseguito -. C’è un modo intelligente di farle; basta un po’ di buona volontà e non, come troppa volta accade in Italia, schierarsi gli uni contro gli altri senza ascoltare le ragioni altrui. Si possono fare grandi opere pubbliche tutelando il paesaggio. In qualche caso anche valorizzandolo». Il territorio vicentino? Lo conosco «molto bene», ha assicurato Franceschini, «ci venivo da piccolo con la mia famiglia. Sono convinto che questo sia un territorio ricchissimo dal punto di vista del patrimonio culturale. Vicenza è una città stupenda. Con ville uniche al mondo».