Pablito in campo e la “carta verde” per Zonin

La campagna pro BpVi continua incessante. Ma intanto filtrano interpretazioni e notiziole mica da ridere. O forse sì

L’azionista Bepi Berton commenta con la moglie Teresa le ultime notizie sulla Banca Popolare di Vicenza. Dall’intervistona al mitico Paolo Rossi all’esposto dell’amministratore dellegato Iorio datato luglio 2015…

Bepi, hai visto?
Cosa?
Anche Paolo Rossi!
Ah sì, ho visto l’intervista sul Giornale di Vicenza. E sai cos’ho pensato? Che noi, miserabili come siamo, abbiamo tre volte le azioni che ha lui.
E per giunta le ha da trent’anni, mica da ieri.
E certo. Se aveva questa gran fiducia nella banca, che ci ha sempre lavorato, dice lui, perché non ne ha prese più neanche una?
Perché è tre volte meno fesso di te, lui! Tenendo poi conto dei soldi che ha e del fatto che lui con la banca ci ha lavorato e ci lavora, è cento volte meno fesso di te. Si è tenuto lì un gruzzoletto, tanto per dire: ci sono. E basta. E adesso dice a noi di comprare, dopo che abbiamo perso tutto…
Certo che ‘sto Smiderle è un fenomeno. Iorio dovrebbe farlo “bancario honoris causa”. Adesso va addirittura a cercare i testimonial per la banca. Tra poco intervisterà Bruno Vespa, Alfio Marchini e la Carrà.
Cosa c’entra la Carrà?
Niente. Ma te lo vedi il titolone che sparerebbe? Raffaella Carrà fa l’aumento di capitale! Non sa più che santo chiamare per dare una mano a Iorio.
Ma non era tutto pro Zonin?
Certo. Fin che c’era. Ma adesso ci sono Iorio e Dolcetta.
Vero. Non hai visto il titolone che ha fatto ieri in prima pagina? I se la fa e i se la gode, ho pensato io.
Taci, va là; ‘sto Iorio fa un esposto dopo un mese che è arrivato e nessuno ne sa niente. Scrive in Procura che ha trovato porcherie a non finire e intanto si fa menare a spasso da Zonin e compari come niente fosse.
È incredibile.
Neanche tanto. Tonino mi ha spiegato che in realtà quello era un atto dovuto. Se un amministratore arriva in una società, scopre che ci sono porcherie e non le denuncia entro un certo tempo, è passibile lui di condanna.
Va ben, ma perché non lo ha detto?
Perché probabilmente voleva tenersi buoni Zonin e tutti gli altri e allora ha fatto l’esposto contro Sorato e Piazzetta. Non ti ricordi che a un certo momento Zonin ha dichiarato che se avessero saputo tutti i sporchessi che faceva Sorato, lui si sarebbe opposto…
Sì e tutti si son tenuti la pancia dal ridere…
Il problema è perché è uscita adesso, la notizia. Tonino dice che Iorio se la fa sotto pensando all’assemblea del 5 marzo e vuol farsi bello con gli azionisti.
Stai attento a quel Tonino lì, però. Hai visto che uno ha scritto che la volta scorsa ti ha raccontato un sacco di balossade?
Sì, e gliel’ho anche detto.
E lui?
Lui mi ha risposto che se è vero quel che dice quel tizio là, allora è meglio che ci rassegniamo. Altro che 20 mila euro ci rimangono in tasca… zero più zero! Cosa vuoi, io ci capisco poco, non so a chi dare ragione.
Lo sai in piazza cosa dicevano oggi? Che Zonin ha chiesto la carta verde e vuol trasferirsi definitivamente in America.
Davvero?
E qualcuno, malizioso, ha detto: perché non in Sud Africa?
E certo, anche là fanno del buon vino…
Ma no, non per il vino. In Sud Africa pare che non ci sia l’estradizione…
Ah, però…

Tags: , , ,

Leggi anche questo