Treviso, ultime lettere del bancario suicida

Si trovano su tre lettere lasciate ai familiari le motivazioni che hanno spinto Jacopo Longo, bancario trevigiano di CentroMarca Banca, trovato suicida lunedì, a togliersi la vita. Come riportato dalla Tribuna, Longo (precedentemente responsabile del settore finanza della Cassa Rurale ed Artigiana di Treviso), si sarebbe sentito abbandonato dall’istituto per il quale lavorava attualmente, a causa di una convocazione personale davanti alla Consob di Milano.

«Nelle lettere, Jacopo ha parlato di problemi di lavoro  dichiara la moglie Sara – a casa in questo periodo tutto andava bene, la causa di questo gesto non può essere che legata al lavoro. Credevo fosse una convocazione legata a un normale controllo sulla banca, con me non aveva lasciato trasparire niente di preoccupante». Gli scritti sono ora in mano alle forze dell’ordine per ulteriori indagini sulla questione. I funerali verranno celebrati domani alle 10.30 a Padernello.

(ph. Il Mattino)

Tags: ,