Veneto, burqa vietato in uffici e ospedali

C’è intesa bipartisan in Regione sulla proposta di legge che il consigliere zaiano Alberto Villanova ha depositato in commissione affari istituzionali per vietare il burqa nelle sedi regionali e alle aziende sanitarie. «Per motivi di pubblica sicurezza – recita la norma – è vietato nei luoghi pubblici o aperti al pubblico, l’uso di caschi integrali o di qualsiasi altro mezzo atto a rendere impossibile o diffìcoltoso il riconoscimento della persona, inclusi abiti o indumenti di qualsiasi origine etnica o culturale, quali il burqa e il niqab, che celano, travisano o nascondono il volto impedendo, di fatto, l’identificabilità della persona, senza giustificato motivo». La legge punta alla modifica della normativa del 1975 che impediva l’uso dei caschi in pubblico per motivi di antiterrorismo.

«Burqa e velo integrale – spiega Villanova al Mattino – non appartengono alla cultura della maggioranza delle donne islamiche che vivono in Italia, ma costituisce un diktat dei predicatori della sharia». Il voto potrebbe arrivare già mercoledì prossimo, appena conclusa la discussione sulla questione di fiducia. «Si profila l’unanimità – annuncia il presidente Marino Finozzi sul Corriere del Veneto– a dimostrazione del fatto che il tema è molto sentito».

Tags: