Dieci anni di vita in più: arriva la pillola “highlander”

Per ora gli esperimenti sono stati condotti sugli insetti, ma sembra che promettano l’arrivo di un potente elisir di lunga vita: una pillola anti-invecchiamento che potrebbe aiutare a vivere fino a una decina di anni in più. Si tratta di un grande avanzamento nello studio, che va avanti da alcuni anni, di una proteina chiamata Gsk-3 (glicogeno sintasi chinasi 3), in grado di accorciare la vita naturale di un essere vivente, ma che può essere inibita attraverso il litio. Ebbene, negli studi condotti sui moscerini della frutta si è dimostrato che somministrando basse dosi di litio, si riesce a estendere la vita degli insetti in media del 16%.

La scoperta fa sperare che si possa arrivare a prolungare la vita umana. Inoltre, «la conoscenza di questo meccanismo potrebbe anche rivelare il segreto per evitare l’insorgenza di malattie legate all’età: Alzheimer, diabete, cancro e Parkinson», ipotizza Jorge Ivan Castillo-Quan, autore principale dello studio. L’esperto avverte è improbabile che una pillola che bersagli Gsk-3 venga resa disponibile entro i prossimi 10 anni, ma una volta messa a punto, potrebbe potenzialmente aumentare la durata della vita di circa 7-10 anni. I ricercatori ora vogliono condurre studi su animali più complessi come i topi, prima di passare ai primati e poi agli esseri umani.

Fonte
(Ph. Dreamstime)

Tags: