Vecchiaia virtuale: ecco come si vive a 80 anni

Invecchiare di 40 anni in pochi secondi. È quello che può accadere indossando una tuta hi-tech, un esoscheletro bionico in grado di simulare e far provare, con tutti i 5 sensi, gli effetti fisici associati all’invecchiamento. Una casco con visore 3D catapulta la persona nella realtà vista dagli occhi di un anziano che ha problemi di cataratta, glaucoma e degenerazione maculare. Le cuffie sono dotate di auricolari che modificano l’udito simulando problemi che possono sopraggiungere con l’invecchiamento. Speciali sensori e un software controllano invece a distanza la capacità di movimento della tuta limitando l’elasticità e la risposta muscolare. Una condizione simile a quella di un corpo affetto da artrite.

R70i
L’esoscheletro Genworth R70i, che pesa 18 chili, è stato presentato all’Aspen Ideas Festival e ha come obiettivo educare alla prevenzione e mettere le persone nelle condizioni di affrontare al meglio il futuro. Gli effetti dell’invecchiamento sul corpo spesso vengono sottovalutati, sia a livello sociale che lavorativo, per questo – secondo gli esperti – una simulazione iper-realistica di ciò che accade superati gli 80 anni è utile per migliorare anche gli stili di vita. Secondo chi ha provato la tuta bionica, “il mondo circostante appare ovattato” e ogni tipo di spostamento anche la semplice camminata “risulta difficile”. Proprio le condizioni con cui devono fare i conti ogni giorno gli over 80.

Fonte
(Ph. Aol/Genworth)

Tags: