Depardieu si scola 14 bottiglie al dì ma non è alcolista

Che Gerard Depardieu adorasse l’alcol era di dominio pubblico. Ma, secondo le sue ultime dichiarazioni riportate sul Gazzettino, ne consumerebbe una quantità davvero sorprendente ben suddivisa tra birra, vino, pastis, vodka, whisky e champagne. La prima bottiglia la apre la mattina per una colazione da campioni: solitamente champagne o vino rosso. «Non sono mai totalmente sbronzo – ammette Depardieu – giusto un tantino rompic….Ma mi bastano un pisolino di 10 minuti e un sorso di rosè per sentirmi fresco come una rosa» racconta durante un’intervista al magazine So Film UK. «Quando sono annoiato, bevo e se inizio a bere, non posso farlo come una persona normale, ma arrivo a scolarmi 12, 13, 14 bottiglie al giorno, anche se dopo l’intervento e per via del colesterolo e di tutta quella roba lì, so che devo stare attento. Comunque non ho intenzione di morire. Non adesso, almeno, perché ho ancora tanta energia».

Ma attenzione a dargli dell’alcolista: l’alcol per lui non è una dipendenza bensì una passione: «gli alcolisti si nascondono e si vergognano. Io non lo sono, come vedete racconto tutto. Il vino che produco io non è da collezionare, ma da aprire e bere con gli amici giocando a carte. Quello che mi piace dell’essere sbronzo è l’euforia che mi dà, quel momento in cui ti senti vivo ed entusiasta. Quando però lo sei stato 10, 15, 20 o anche 30 volte, allora cominci a perdere il conto, ma c’è molto altro nella vita che essere ubriachi».