Cattolica, ipotesi uscita da BpVi

170 milioni di euro: tanto costerebbe alla Banca Popolare di Vicenza la recessione dalla partnership di “bancassicurazione” con Cattolica Assicurazioni, il cui Consiglio di amministrazione sta valutando questa ipotesi in seguito ai profondi cambiamenti della natura giuridica e strutturale del partner BpVi. Una decisione che il Gruppo assicurativo può prendere unilateralmente sulla base dell’accordo che prevede questa possibilità nel caso di trasformazione dell’istituto di credito in Spa.

E che costringerebbe BpVi a riacquistare Berica Vita, Cattolica Life e Abc assicura, valutate complessivamente appunto 170 milioni. «Il quadro dei rapporti è cambiato – ha spiegato al Corriere del Veneto il presidente di Cattolica Paolo Bedoni – decideremo il da farsi dopo avere valutato gli sviluppi in ambito Atlante, anche sulla base delle prospettive concrete e in tempi ragionevoli di ripresa della Banca e dell’andamento del business di bancassurance delle tre società controllate».