Anche tu odi rifare il letto? Ecco la soluzione

«Perché rifare il letto se poi la sera si disfa di nuovo?». Tutti siamo stati abituati dalle mamme che rifare il letto è una delle attività irrinunciabili della giornata. Sono in molti però a non darci un senso e ad odiare quella routine imposta fin da piccoli. Adesso, però, in soccorso dei più pigri, arriva finalmente l’invenzione che tutti aspettavamo: il letto che si rifà da solo. Il prototipo è stato realizzato dalla spagnola OHEA Smart Bed e funziona grazie a un sistema a binari e perni fissi che risistema il letto in appena 50 secondi. Sulle sponde, infatti, sono posizionati dei binari con asticelle e tiranti capaci di prendere e sollevare le lenzuola, così come i cuscini.

Due le modalità che offre il letto: una automatica e una manuale. La prima sfrutta dei sensori che attivano il meccanismo quando il letto rimane disfatto per un po’ di tempo (e senza nessuno sotto le coperte); la seconda richiede l’avvio da parte dell’utente grazie a un telecomando. Una tecnologia che, oltre ai pigri, aiuterà il risveglio di chi soffre di mal di schiena, di disabilità o chi per un mero dato anagrafico ha difficoltà a svolgere il noioso compito. Un’invenzione da sogno.