A Tommaso da sua madre, lettera sui sogni

A due anni dalla scomparsa del vicentino Zuccon Ghiotto, sua mamma Claudia scrive un invito a genitori e insegnanti perché sappiano trasmettere il coraggio di immaginare e osare

Condividi
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail to someone

A due anni dalla morte improvvisa del giovane violinista Tommaso Zuccon Ghiotto, la madre Claudia Pepe, insegnante e musicista, ha vergato questo scritto affidato alle colonne del quotidiano online Lettera43. Ne riportiamo alcuni stralci.

«Siamo stanchi di diventare giovani seri, o contenti per forza, o criminali, o nevrotici: vogliamo ridere, essere innocenti, aspettare qualcosa dalla vita, chiedere, ignorare. Non vogliamo essere subito già così sicuri. Non vogliamo essere subito già così senza sogni. Così scriveva Pier Paolo Pasolini non molti anni fa, ma per chi come me vuol fare Scuola nell’essere Scuola, queste parole diventano ogni giorno sempre più presenti e vive. Le sento come un’esame, quello più importante per una persona. Quello di coscienza. E non lo penso solo da insegnante ma anche come madre. Mi sforzo ogni giorno di insegnare la passione, quella materia che non rientra nelle ore disciplinari ma senza la quale tutta la vita non avrebbe senso (…)».

«La Storia del nostro Paese ha contribuito non poco a modificare l’idea di Istruzione e quello di famiglia come esempio educativo preminente. Prima si chiedeva allo studente di studiare soffrendo inchiodato sulla sedia e ora cercano di subordinare l’educazione al mercato del lavoro, come luogo di addestramento della forza-lavoro anziché come luogo di formazione delle persone attraverso la cultura e la conoscenza (…)»

«Dobbiamo insegnanti e genitori, guardare al di là della nostra immagine conformata ai nostri dogmi, levare le nostre verità incorniciate in quadri pieni di virtù approvate in nome dell’esperienza e del nostro esercizio quotidiano, e ri-guardarci come ci vedono quegli occhi che ogni giorno cercano da noi l’incontro, un appuntamento con volti che sappiano riconoscere i propri limiti. Perché anche al sapere, alla conoscenza, all’esperienza, c’è un limite. E per chi lo riconosce diventa una virtù. Perché sai che da quel confine può germogliare, attecchire nelle zolle di penombra, fiorire in una nuova primavera. Il limite umanizza e i nostri figli e i nostri studenti hanno bisogno della profondità del limite. (…) Quante volte abbiamo sostituito le nostre ambizioni in rimpianti pronti ad esser coltivati negli altri? Quante volte la nostra vita è stata prigioniera di un sogno di un altro, quante volte. Nessuno vuole essere senza sogni, nessuno mai, e in nome di Tommaso e dei miei studenti io non li farò aspettare, chiedere, ignorare. Non li farò mai vivere senza sogni ma li farò entrare nelle loro barriere per descriverle e narrarle. (…)».

Tags: , ,

Leggi anche questo