Veneto Promozione, 170 imprese contro la chiusura

Veneto Promozione incassa il sostegno di 170 imprese venete. Altrettanti imprenditori hanno scritto delle lettere contro la chiusura dell’ente regionale di promozione della regione all’estero. Riassumendo il contenuto delle epistole, emerge il ritratto delle piccole e medie industri venete che da sole non potrebbero trovare le risorse per aprirsi spazi all’estero.

Allora perché chiudere? Secondo i sindacati le Camere di Commercio provinciali sono interessate ai fondi regionali destinati a Vp. «Vien da chiedersi perché una realtà definita ‘strategica e non sopprimibile’ nelle delibere regionali solo tre mesi fa – ricorda al Corriere del Veneto Daniele Giordano, segretario regionale funzione pubblica Cgil –, oggi sia a rischio chiusura. I dati dicono che i risultati ci sono (…). Se le Camere di commercio, alle prese con una riforma che dimezzerà i diritti dalle imprese – prosegue –, sperano di accaparrarsi i fondi destinati alla promozione, parliamo di un’operazione scellerata».

«Abbandonare le Pmi a loro stesse non pare una grande idea. I costi vanno razionalizzati? Massima disponibilità; ma buttar via tutto non ha senso», ribadisce Massimo Grella (Cisl). Critica anche Annalisa Bruscoli della rsu: «Situazione kafkiana: da un lato centinaia di lettere di sostegno e i risultati oggettivi di questi anni e, dall’altra, apprendiamo dai giornali che saremmo in procinto di chiudere. Intanto, però, la Regione continua a darci incarichi come se nulla dovesse cambiare».

Fonte foto: venetopromozione.it

Tags: