Veneto Banca, grandi soci puntano al 51%

Il presidente dell’associazione (oggi con l’8%) Zago: «bisogna metter mano al portafogli»

«Per non perdere questa banca bisogna mettere mano al portafoglio». Da questo assunto parte il presidente di “Per Veneto Banca” Bruno Zago, mentre stamattina l’associazione (che rappresenta circa l’otto per cento dell’azionariato della Popolare di Montebelluna) è riunita per «un serio faccia a faccia, con l’obiettivo di adottare una linea comune».

«Verrà approfondito il tema dell’aumento di capitale in attesa del prospetto informativo previsto per lunedì – è la spiegazione dell’associazione al Sole 24 Orein ogni caso l’idea di base è quella di aderire all’aumento: bisogna credere nella banca, renderla autonoma e non cederla ad Atlante». «Ci vuole un’assunzione di responsabilità collettiva – ha detto il presidente di Unindustria Treviso Maria Cristina Piovesana – una forte e diffusa solidarietà su obiettivi condivisi che porti a ricreare quella ricchezza andata perduta».