Treviso-Vicenza, class action contro autovelox

L’imprenditore di Castelfranco Giorgio Vigni, già vicepresidente del sindacato dei Liberi imprenditori federalisti europei (Life), dichiara guerra agli autovelox della strada regionale 53 Treviso-Vicenza nel tratto tra Cittadella e Fontaniva. Proprio quello lungo il quale Vigni è stato “beccato” da «un maledetto “traffiphot III sr-photor &V matricola n. 60666″, il numero del diavolo» mentre viaggiava a 84 chilometri orari dove il limite è dei 70. Una multa di 132 euro da pagare entro 5 giorni che, secondo quanto riportato dalla Tribuna, ha indotto Vigni a rivolgersi al proprio legale, il castellano Pietro Guidotto.

«L’apparecchio che mi ha multato è fuori legge – è la tesi di Vigni – e serve solo a fare cassa ai danni dei cittadini già tartassati». Quindi l’imprenditore ha subito fatto ricorso al giudice di pace con l’idea di avviare dopo, «sentenza in mano», «una class action per far annullare tutte le sanzioni staccate con quegli apparecchi. Tutti gli automobilisti vittime dei velox fissi piazzati sulla strada regionale 53 potranno così unirsi alla mia guerra contro questa estorsione continuata da parte dei Comuni».