«Intesa Venezia-Trieste: così Triveneto riparte»

Riceviamo e pubblichiamo una lettera dell’on. Emanuele Prataviera (FARE!) che si rivolge al neosindaco di Trieste, Roberto Dipiazza, e al sindaco di Venezia, Luigi Brugnaro.

Egregio direttore,

con la nuova intesa tra Venezia e Trieste, nel Triveneto può tornare a risplendere il Sole. Nel nostro Nordest, la vittoria del Sindaco Roberto Dipiazza a Trieste è una nuova grande opportunità per rafforzare la collaborazione nell’area nordadriatica con Venezia. Una nuova intesa, utile alla ripresa economica e a tutti quegli imprenditori in cerca di nuove prospettive. Il mio auspicio è che, da oggi, la politica possa ritornare a lavorare per rafforzare le relazioni nell’area mittleuropea, ricreando quelle condizioni necessarie a pretendere investimenti e trasferimenti statali proprio in un territorio che è la porta infrastrutturale da e verso l’Europa. Un territorio che è naturalmente il centro logistico e produttivo con le più alte capacità di sviluppo e di attrattività economica, che sarebbe capace di riprodurre leve economiche immediatamente apprezzabili dai nostri concittadini. Tutto questo potrebbe essere concretizzabile se Venezia e Trieste ristabilissero un dialogo costruttivo che porti ad una unità di intenti, in un area geografica e culturale che è naturalmente contigua e che si estende anche alle terre dell’Istria e della Dalmazia con cui, assieme all’Austria, le relazioni dovrebbero essere rafforzate.

Volontà ed intenzioni più volte manifestate nel corso della campagna elettorale appena conclusa sia dal neo eletto Sindaco Dipiazza sia dal collega veneto Luigi Brugnaro. Senza fare riferimento a mega investimenti, ci sono opportunità concrete da sfruttare subito: ad esempio la Commissione Europea ha messo a disposizione molti fondi europei per rafforzare strategicamente la sinergia in questa area, puntando al turismo, alla mobilità e all’economia del mare. Dovremmo iniziare proprio dall’uso dei fondi europei per rafforzare le diverse attività turistiche e la promozione del nord adriatico come regione europea nel mondo. Il mio impegno politico sarà proprio di agevolare questo processo. Cogliamo la sfida di andare oltre i confini amministrativi: un’operazione che avrebbe anche il merito di contribuire ad affermare, al resto d’Italia, che il Triveneto è capace di disegnarsi autonomamente il proprio futuro, come ha fatto negli anni che lo hanno reso prospero e grande.

On. Emanuele Prataviera (FARE!)

Tags: ,