Abano, prime ammissioni: «riciclato soldi per Claudio»

Massimo Trevisan è considerato «il prestanome» di Luca Claudio nella gestione della sua Rls srl. La società, come spiega il Corriere, sarebbe stata costruita per trasformare fittizie consulenze in tangenti che poi sarebbero finite direttamente nelle tasche del sindaco di Abano e dell’ex primo cittadino di Montegrotto, Massimo Bordin.

Trevisan ha parlato per 3 ore nella sede delle Fiamme Gialle ed ha ammesso tutto. Ha fornito i dettagli sui versamenti e sulle fatture ed ha confermato di aver agito per nome e per conto di Claudio. La posizione di Trevisan si alleggerisce e sono stati confermati gli arresti domiciliari. Non è escluso che atre ditte siano coinvolte nelle false consulenze in cambio di favori per gli appalti. Si attende anche di conoscere il destino del Consiglio di Abano Terme: Claudio non ha nessuna intenzione di dimettersi e il commissario prefettizio Pasquale Aversa ha chiesto al ministero dell’Interno di predisporre una procedura per chiarire come procedere.

Tags: ,