Monaco, terrore per 300 ragazzi veronesi

Secondo quanto si legge su l’Arena erano 350 i diciassettenni veronesi provenienti da tutta la provincia a Monaco ieri sera, diretti alla giornata mondiale della gioventù di Cracovia (in Polonia). Assieme agli animatori, ai preti e alle suore che li accompagnavano erano partiti la mattina a bordo di sette pullman dal palazzetto dello sport di Verona: la prima tappa del viaggio verso la Polonia era una parrocchia a venti chilometri da Monaco.

Ma quanto nel capoluogo bavarese è scoppiato il pandemonio, molti ragazzi stavano passeggiando per le vie del centro. «Stavamo mangiando in un McDonald’s in centro, uno di quelli su due piani – raccontano alcuni dei ragazzi, che stanno tutti bene e sono al sicuro – ad un certo punto la gente ha cominciato a urlare e ci hanno fatto tutti accovacciare al secondo piano. Qualcuno piangeva, ci sono state scene di panico. Ci hanno detto di non uscire e di non affacciarci. Fuori ci sono decine e decine di poliziotti, sopra le nostre teste continua a passare un elicottero».

I diciassettenni veronesi sono poi stati recuperati poco prima di mezzanotte e riportati a casa, a Verona. «Prima, quando è scattato il panico – dice una ragazza – c’erano delle persone musulmane che stavano piangendo come noi ed erano agitatissimi. Lì ho capito l’uguaglianza fra tutti noi e l’enorme differenza che c’è con i terroristi».

(Ph. da abc.net.au)

Tags: ,

Leggi anche questo