Treviso, docenti del Sud non vogliono trasferimento

Sono circa cinquanta i ricorsi presentati sul sito dell’Ufficio scolastico provinciale di Treviso da parte dei docenti, riguardo all’assegnazione delle cattedre dalla scuola primaria alle superiori. Gli insegnanti che hanno ottenuto il posto di ruolo in provincia di Treviso, secondo quanto riportato dalla Tribuna, segnalano «errori madornali» nei bollettini dei movimenti del piano piano straordinario delle assunzioni messo in conto dalla legge 107/2015, la cosiddetta “Buona scuola”. I ricorsisti sarebbero soprattutto docenti della scuola primaria: si tratta di maestri e professori del Sud che non vogliono fare i bagagli per venire al Nord, dove ci sono più posti disponibili.

«I docenti che si sono accorti degli errori possono far richiesta dell’assegnazione di una cattedra provvisoria entro il 28 agosto e l’Ufficio scolastico accoglie le loro richieste sul filo dell’anno scolastico che sta per iniziare – spiega il segretario di Cgil scuola Treviso Marta Viotto – gli insegnanti che si vedono trasferiti per un errore hanno diritto ad un avvicinamento. Ma, visti i tempi stretti per fare tutte queste operazioni, alcune scuole corrono il rischio di non avere nessun insegnante da mettere in classe».

Tags: ,