Canale d’Agordo, apre museo del “Papa del sorriso”

Sarà inaugurato venerdì in nuovo museo «Albino Luciani Papa Giovanni Paolo I», un percorso di fede e di storia per ricordare il Papa del sorriso. Ricavato dall’ex municipio e dall’ex albergo Cavallino, nel cuore di Canale d’Agordo, comprende un’area espositiva di 380 metri quadri su tre piani. Nel seminterrato la storia della Valle del Biois e dei suoi personaggi più influenti, al primo piano un approfondimento sulla vita di Albino Luciani nel suo paese natale, al secondo il percorso pastorale che ha portato il futuro Papa dalla missione episcopale a Vittorio Veneto fino al soglio petrino. Altri 600 metri quadri sono stati riservati al Centro studi.

Il progetto, costato 3 milioni di euro e commissionato dalla Fondazione «Papa Luciani Giovanni Paolo I», è firmato dagli architetti bellunesi Antonio Pollazzon e Willi Guidolin per la ristrutturazione. L’allestimento interno, invece, ideato dall’architetto veneziano Marino Baldin, con suggerimenti del curatore scientifico del museo Loris Serafini. «Era doveroso realizzare questo museo, è importante ricordare il carisma e gli insegnamenti di papa Luciani» spiega al Corriere il sindaco di Canale Rinaldo De Rocco che, per portare a termine il progetto, ha ottenuto il sostegno economico di Regione, Fondazione Cariverona e Bim. «Le possibili ricadute turistiche? L’arrivo di pellegrini è importante, ma lo è altrettanto il fatto che chi esce dall’area espositiva porti con sé il messaggio di umiltà di Albino Luciani, che prosegue ancora oggi con Papa Francesco».

 

Tags: ,