Verona, Ca’ del Bue “2.0”: Regione dà l’ok

Via libera della Regione all’impianto di Ca’ del Bue “2.0” (chiamato così anche se l’1.0 ha avuto vita breve), che tratterà e selezionerà i rifiuti per produrre energia elettrica e circa 400 metri cubi di biometano al giorno. Secondo quanto riporta L’Arena, infatti, da Venezia è arrivato infatti l’ok per la riconversione dell’impianto, che attualmente ha in funzione un separatore ma che prevedeva inizialmente un termovalorizzatore, su cui hanno espresso un parere positivo la Valutazione d’impatto ambientale e l’Autorizzazione integrata ambientale. E c’è anche l’autorizzazione paesaggistica.

«Stiamo completando le procedure per trasferire l’attività di Transeco da Zevio, dove paga un affitto, appunto a Ca’ del Bue», racconta il presidente di Agsm Fabio Venturi, per il quale Ca’ del Bue si avvia a diventare «un polo ambientale verde. La Transeco è la società controllata da dall’Amia dedicata al recupero e smaltimento dei rifiuti speciali non pericolosi e degli assimilabili. «L’idea, di Agsm e di Amia – spiega Venturi – è quella di creare una società di gestione del futuro impianto e polo ambientale verde di Ca’ del Bue e questa potrebbe essere proprio la Transeco».

Tags: ,