Vicenza, Cub: «grandi front-office, spot elettorale di Variati»

«L’Amministrazione comunale di Vicenza ha dichiarato di voler creare uno sportello unico e polifunzionale che raggruppi i servizi di front-office in materia di anagrafe, SUAP, edilizia privata, commercio e altro di cui non ci è dato ancora sapere. La Giunta ha affidato l’incarico, per circa 40 mila euro, a un consulente esterno con il compito di organizzare un “grande front-office”, negli edifici di Via Torino. Al momento è solo un’ipotesi che i nuovi uffici siano collocati in Via Torino, nella struttura comunale rimasta invenduta alle numerose aste pubbliche, perché fatiscente». Questa la denuncia di Maria Teresa Turetta, CUB Pubblico Impiego Comune di Vicenza che spiega: «la situazione degli uffici è drammatica: l’amministrazione non ha investito nulla in termini di risorse umane specializzate e di formazione. La situazione allo stato civile è al collasso nel più totale disinteresse di tutta la massima dirigenza, che da tempo è stata coinvolta e informata al riguardo».

«La prima cosa che è stata fatta dalla dirigente alle Risorse Umane dott.ssa Castagnaro, dopo il parziale sblocco delle assunzioni delle scorse settimane, è stata quella di pubblicare nel sito internet un avviso di mobilità per un Funzionario Amministrativo Cat. D3 e un contestuale concorso pubblico per lo stesso profilo e la medesima esperienza, senza nemmeno aspettare di vedere se qualcuno risponde all’avviso di mobilità. Un bando talmente specifico che pare il copia incolla del curriculum di qualcuno e sul quale sicuramente torneremo a parlare. I nuovi “grandi front-office” sono utili solo come spot elettorale per un’amministrazione oramai in scadenza», conclude Turetta.

Tags: ,