Parolin: «medici e politici ritrovino misericordia»

Per il segretario di stato vaticano, card. Pietro Parolin, il sistema medico e scientifico moderno, per quanto sia avanzato, «ha perso il senso misericordioso del ruolo delicato che detiene. Bisogna ritrovare il senso della solidarietà, ricreare quel legame affettivo con il paziente che i ritmi frenetici dei tempi moderni stanno pericolosamente cancellando». Lo ha detto oggi, a Misurina di Auronzo di Cadore, intervenendo ad una cerimonia pubblica nell’istituto “Pio XII”, dedicato alla terapia delle malattie respiratorie infantili. «La misericordia, però – ha aggiunto Parolin – bisogna ritrovarla anche negli ambiti politici, che ricoprono un ruolo determinante sotto il profilo decisionale».

Il cardinale, insistendo sulla differenza fra «il curare e il prendersi cura», ha recato come esempio l’operare antico dei monaci benedettini impegnati, nei loro monasteri, «nell’ospitalità e nelle cure mediche. Dobbiamo riscoprire – ha aggiunto – le premurose attenzioni che quei monaci rivolgevano alla comunità, soprattutto alle persone sole ed emarginate. Oggi quel legame è andato perso e questo non è affatto un bene per la nostra società, divenuta avida ed avara di sentimenti ed emozioni».

Tags: ,