«Bassano, ancora profughi: Poletto affittacamere del Prefetto»

«Con questi nuovi arrivi, Bassano è la seconda città in provincia per numero di migranti ospitati, considerando che il Vicentino detiene il record veneto di richiedenti asilo arrivati. Ora basta, il sindaco Poletto la smetta di fare da affittacamere per conto del Governo, quando a subire le conseguenze delle sue scelte sono i cittadini». Il Capogruppo della Lega Nord in Consiglio regionale, Nicola Finco, interviene in merito al nuovo contingente di 15 profughi in arrivo in queste ore a Bassano. «Non so dove vivano il sindaco e l’assessore Bertoncello – dichiara – quando sostengono che la città ha accolto con favore questi migranti, incluso il quartiere il cui direttivo peraltro è saltato nelle scorse settimane».

«Così, mentre il sindaco gongola per i nuovi profughi in arrivo, e il prefetto trova in questa Amministrazione comunale una complicità piena e forte – prosegue l’esponente leghista – chi gira per le piazze bassanesi vede a che punto sia mal gestito il fenomeno: stranieri nullafacenti con cellulare e cuffiette che stazionano tutto il giorno senza alcuna occupazione. Se a Poletto va bene così, beato lui. A noi pare che la quota spettante alla città di Bassano per l’accoglienza migranti sia abbondantemente superata, e che il sindaco debba dire basta rifiutando nuovi invii da parte di un Prefetto che ha in Poletto il suo migliore alleato. Incredibile come questa Amministrazione sia paralizzata in ogni suo settore – conclude Finco – tranne per l’accoglienza dei richiedenti asilo dove invece dimostra un inusitato attivismo. Le coop che gestiscono questi arrivi gongolano, i bassanesi un po’ meno se pensiamo che mantenere questi immigrati costa oltre un milione di euro l’anno. Ma certo, ognuno ha le proprie priorità, ed è chiarissimo quali siano quelle di Poletto».