Polesine, un film per rilanciare il turismo

Un film per raccontare il Polesine: questo lo scopo de “La misura dell’infinito”, pellicola del regista vicentino Giancarlo Marinelli, di formazione teatrale. Il film, si apprende dal Corriere del Veneto, è stato prodotto e finanziato all’interno del progetto Futour voluto da Regione Veneto e Confindustria Venezia Rovigo per promuovere il turismo in Veneto.

Il film sarà presentato al Teatro Comunale Ballarin di Lendinara questo venerdì alle 21.15. L’opera, impreziosita da grandi attori teatrali come Ivana Monti e Debora Caprioglio, ha visto la partecipazione di numerose maestranze locali, una ventina di tecnici circa, oltre alla performance attoriale di Andrea Zanforlin.

«Ho scelto di partire da Lendinara perché mi porta fortuna», afferma il regista Marinelli. «Dopo un anno di lavoro consegniamo il film. Non c’è nessuna immagine artefatta e il “luogo dell’infinito” lo abbiamo trovato percorrendo migliaia di chilometri proprio qui, dopodiché abbiamo semplicemente mosso le telecamere sul carrello e il risultato è venuto da sé».

Gli spettatori potranno godere dei bellissimi paesaggi del Polesine, frutto di riprese effettuate a Lendinara, oppure lungo le valli verso Rosolina, Porto Tolle, Scardovari, Ca’ Vendramin, Pila, Isola di Panarella, così come nel Parco del Delta del Po, Polesella e Adria.

Tags: ,