Derivati, funzionario Veneto Banca accusato di truffa

Un vicedirettore di filiale di Veneto Banca è accusato di truffa da un cliente “storico” dell’istituto di Montebelluna. Lo rende noto oggi il Giornale di Vicenza, che chiarisce subito il carattere singolare della vicenda, separato dalle tristi vicende che riguardano la banca nel suo complesso. L’imputato è Marco Fochesato, 49 anni, videdirettore di filiale a Schio, accusato di truffa pluriaggravata dal pm Han Roderich Blattner.

Secondo la tesi dell’accusa, tra il 2005 e il 2012, Fochesato avrebbe offerto un derivato rischioso ad un 68enne imprenditore edile, poco avvezzo alla materia finanziaria. Le perdite per la vittima sarebbero state superiori ai 300 mila euro, fra cui 55 mila euro per «commissioni per intermediazioni», nascoste al cliente. I legali della difesa la pensano in un altro modo e ricordano come già due volte il giudice civile abbia dato ragione in merito al loro cliente e alla banca: «Perdono contro la banca e se la prendono con il dipendente. Affronteremo il processo con serenità», assicura l’avvocato Alessandro Moscatelli.

Tags: ,