BpVi, 400 milioni di rosso (almeno)

Parlano di 600 milioni di perdita, forse di più, le indiscrezioni pubblicate sul Mattino alla vigilia della presentazione della semestrale di Banca Popolare di Vicenza. Sul negativo, che dovrebbe essere compreso tra i 600 e gli 800 milioni di euro, peserebbe soprattutto l’uscita di Cattolica Assicurazioni dall’istituto oggi controllato dal fondo Atlante. Si tratta di 175 milioni di euro in meno dovuti alla chiusura del patto di bancassurance, più altri 230 milioni di svalutazioni obbligatorie sulla partecipazione.

Per un totale, quindi, che dovrebbe essere di almeno 400 milioni. Peseranno poi anche i nuovi accantonamenti chiesti dalla Banca centrale europea e da Bankitalia a copertura dei Non performing loans, le “sofferenze” che secondo l’ultimo piano industriale approvato dal cda dell’istituto berico dovevano essere cedute per 1,5 miliardi (su un totale di circa 4 miliardi di Npl lordi ancora in pancia a BpVi).