Lega Nord Padova: «profughi, referendum per accoglienza»

«La solidarietà deve essere libera e volontaria. Se è obbligatoria, se lo Stato o qualcun altro ti costringe a farla, non è solidarietà e non aiuta chi la riceve». Così il segretario provinciale della Lega Nord Andrea Ostellari, dopo il sit-in organizzato sabato a San Pietro in Gu per dire “no” al trasferimento di una trentina di profughi, ha lanciato l’idea di un referendum per permettere ai cittadini di decidere come gestire l’accoglienza.

«A Piazzola sul Brenta, il primo cittadino, Enrico Zin, ha deciso per tutti: accogliere le donne, respingere gli uomini, per avere meno problemi, o almeno così crede, e far lavorare qualche cooperativa. Peccato che i suoi concittadini non siano d’accordo – ha spiegato – Per questo lo sfido: indica un referendum. Spieghi le sue ragioni e si misuri con i residenti. Invece di imporre una solidarietà che fa comodo solo alle cooperative del settore e alla strana alleanza di destra-centro-sinistra che sostiene Renzi a Roma e il presidente della Provincia a Padova».

Tags: ,