Mestre Nord, lottizzazione da 86 mila metri quadri

Un nuovo ipermercato per Mestre, ma l’ok della conferenza di servizi regionale all’Iper Lando è solo l’ultimo episodio di un piano di lottizzazione che pesa su oltre 86 mila metri quadri. Le costruzioni previste, così come riassunte dalla Nuova Venezia: una torre da cento metri, la “Venus Venis”, a Marghera, sulla Romea; il suddetto Iper Lando da 9 mila metri quadri in via Caravaggio con possibile allargamento fino a 12 mila e 600 metri quadri; infine, l’espansione dell’Aev Terraglio sui campi rimasti tra la stessa via Caravaggio e via Borgo Pezzana.

Dietro la Venus Venis c’è la Blo, mentre dietro la mega lottizzazione a Mestre Nord c’è addirittura l’ Istituto diocesano per il sostentamento del clero di Venezia, in partnership con la Terraglio Spa di Padova. Tra Iper Lando e Aev si costruiranno 50 mila metri quadri di edifici a destinazione d’uso commerciale, direzionale, produttiva, ricettiva e residenziale su una superficie territoriale di 86.546 metri quadri.

Il piano venne approvato sotto il commissario Zappalorto nel 2014, ed è stato rivisto dagli uffici dell’Urbanistica solo per quanto riguarda l’altezza delle quattro torri che da 90 metri di altezza sono state abbassate a 45. Il costo del solo Ipermercato si aggira intorno ai 3 milioni, comprensivi di trasloco degli abitanti di via Caravaggio nella vicina via Borgo Pezzana (il residenziale di cui prima). Davanti alla voce contraria di comitati e associazioni di categoria – un nuovo centro commerciale sarebbe la “morte”del centro storico – l’amministrazione Brugnaro ricorda che si tratta di scelte dell’amministrazione di centrosinistra.

Nella foto: le torri Metroter previste all’Aev Terraglio (dall’archivio).

Tags: ,