Scuole venete, mancano pure 430 bidelli

L’Ufficio scolastico regionale denuncia la mancanza di collaboratori scolastici, meglio noti come bidelli. Tanto che, scrive la Tribuna, la sicurezza degli alunni sarebbe a rischio. Servono 429 tra collaboratori scolastici, assistenti amministrativi e assistenti tecnici (personale Ata). «Nonostante l’impiego ottimale del continente assegnato sia in organico di diritto che in organico di fatto», scrive la dirigente dell’Ufficio scolastico regionale Daniela Beltrame, «non è possibile assicurare le necessarie condizioni di sicurezza e incolumità degli alunni».

Anziché fare fronte alla mancanza di personale, il ministero ha tagliato in Veneto 181 posti Ata rispetto all’anno scorso: «non sarà possibile garantire l’apertura, la chiusura, la vigilanza e la sicurezza degli allievi», conclude Beltrame. Grossi problemi anche per gli studenti disabili, già messi a rischio dallo scorso numero di insegnanti specializzati in servizio o supplenti.

Tags: