Verona Pulita: «contaminazione Arsenale, bonifica subito»

 

Michele Croce, candidato del movimento civico “Verona Pulita“, commenta la notizia di altre zone dell’Arsenale interdette al pubblico a causa dell’inquinamento del suolo. «In tanti siamo cresciuti giocando a pallone nei giardini dell’Arsenale, e lì i nostri figli hanno iniziato a camminare e giocare sull’erba e tutt’ora vogliono tornarci spesso. Oggi però i loro genitori scoprono che gran parte di quei prati è contaminato da metalli pesanti, tra cui i cancerogeni piombo e cadmio, che potrebbero anche raggiungere le falde acquifere. I loro genitori ascoltano sconvolti l’assessore all’Ambiente Toffali spiegare serenamente che non esiste pericolo al di fuori delle zone appena interdette al pubblico, zone fino a ieri di libero accesso anche ai nostri bambini e alle donne in gravidanza».

«In questi vent’anni di proprietà del Comune mai nessuno ha avuto l’intuizione che un ex deposito di armi poteva essere contaminato? Perché hanno esposto noi cittadini al rischio di malattie gravissime? Nel ricordare che il sindaco è il responsabile della condizione di salute della popolazione del suo territorio, chiedo al serenissimo Toffali quale è il progetto per la bonifica delle zone contaminate e perché in nove anni di mandato non siano stati utilizzati i fondi che ci hanno sempre dichiarato essere a disposizione per il risanamento e la ristrutturazione. Ci chiediamo perché non utilizzare quei fondi per iniziare i lavori all’Arsenale bonificando le aree e dare così il via al progetto di polo museale unico».

Tags: ,