Miss Italia, Zoggia: «resta a Jesolo»

Dopo le critiche, le polemiche, addirittura le richieste di referendum, arriva la difesa di Miss Italia. Una difesa e una riconferma firmata da Patrizia Mirigliani e dal sindaco Valerio Zoggia che sulle colonne della Nuova Venezia si sprecano in elogi. «Miss Italia quest’anno è rinata», dice la patron, parlando di «ottimi ascolti» e sostenendo che «Facchinetti è stato grande». Non una parola su La7, in predicato di abbandonare la trasmissione che potrebbe così tornare in Rai.

«Con il 7 per cento di share», commenta il sindaco Zoggia, «La7 ha raggiunto vette tra le più alte per questa emittente. Mi criticano per i soldi spesi – prosegue –, ma 500 mila euro l’anno sono una cifra accettabile e noi continueremo con la Miren purchè non si vada oltre i termini contrattuali del passato». Per Zoggia, «è su Jesolo che sono accesi i riflettori e così sarà tutte le volte che le Miss saranno ospiti in qualche manifestazione, evento, trasmissione per tutto l’anno. Crediamo in Miss Italia e la confermeremo, indipendentemente dall’emittente televisiva».

Le opposizioni non si sono fatte convincere dall’ottimismo della coppia Mirigliani-Zoggia. L’ex sindaco Francesco Calzavara (in Regione con la Lista Zaia) e Alberto Carli (Lega) sostengono che «i risultati dell’ audience sono deludenti» e «con questi dati e ascolti Miss Italia non è sostenibile». Inoltre, i due propongono «che la data vada spostata di almeno una settimana, tra il 15 e 20 settembre, altrimenti non serve ad allungare la stagione». Decisamente più tranchant la linea di Daniele Bison: «per Zoggia Miss Italia continua», scherza, «e sostiene che sono gli jesolani a volerlo. Ma non mi risulta che nessuno jesolano sia stato interpellato».

Tags: ,