Trentino chiude Passo Sella? Il Veneto: «incostituzionale»

Scontro istituzionale fra Veneto e Provincia di Trento sulla chiusura del Passo Sella. In Trentino, spiega il Corriere del Veneto, sono pronti a varare i “Dolomiti Green Days”, ovvero 10 giorni di chiusura del traffico sul Sella, mentre ci saranno facilitazioni per auto, bus e moto elettrici, nonché bici e pedoni.

«Non appena usciranno le delibere sui Dolomiti Green Days le impugneremo», tuona il governatore del Veneto Luca Zaia, «perché anticostituzionali. Interferiscono con il diritto alla mobilità. Trento e Bolzano non hanno informato né la Regione Veneto, né la Provincia di Belluno, né il Comune di Livinallongo prima di annunciarle. Oltre ad un vincolo anticostituzionale, la sospensione ripetuta del traffico rischia di rappresentare un colpo fatale per il turismo».

«Siamo di fronte ad uno sgarbo istituzionale», gli fa eco Leandro Grones, sindaco di Livinallongo, «un incidente diplomatico che si poteva evitare, anche perché già adesso i passi vengono chiusi durante certe manifestazioni». «Siamo contrari, se perdiamo il turismo legato alle moto per noi sarà un’ecatombe finanziaria», aggiunge Walter De Cassan di Federalberghi.

Sul Sella il traffico è un problema effettivo in estate, quando sul passo transitano oltre 5 mila auto e moto. «Non capisco queste polemiche su un progetto condiviso in Fondazione Unesco», risponde ai veneti, l’assessore a Infrastrutture e Ambiente di Trento, Mauro Gilmozzi. Si tratta di «decisioni maturate dopo un lungo lavoro», ricorda l’assessore. «E poi il Veneto non è toccato dalla sperimentazione, non subirà effetti di alcun genere. Stiamo solo facendo un esperimento, mi pare si tratti di ordinaria gestione. Se qualcuno voleva polemizzare, doveva farlo mesi fa».

Ph. pinterest.com

Tags: ,