Vicenza virtuosa con Comune, Aim e Acque Vicentine

«Per il terzo anno consecutivo i dati del bilancio consolidato confermano che il sistema costituito da Comune, Aim e Acque Vicentine è assolutamente sano e produce utili impiegati in investimenti e in servizi a favore dei cittadini, senza spreco di risorse nel rispetto dei criteri di economicità ed efficienza». Questo il commento dell’assessore alle risorse economiche e alle politiche del lavoro Michela Cavalieri al bilancio consolidato riferito ai conti 2015 la cui analisi promuove anche quest’anno a pieni voti il team formato da Comune, Aim e Acque Vicentine.

Il documento, diventato obbligatorio per tutti i Comuni dopo una fase sperimentale a cui Vicenza ha preso comunque parte, mette infatti in evidenza le risultanze economiche dei servizi pubblici gestiti dall’amministrazione comunale e dalle partecipate di una certa consistenza di cui l’ente detenga una quota superiore al 50 per cento. Per Vicenza tali aziende sono Aim Vicenza spa (società controllata al 100%) e Acque Vicentine (partecipata al 58,19%). «Il patrimonio netto consolidato del gruppo – ha precisato l’assessore Cavalieri, commentando la delibera destinata al consiglio comunale assieme all’amministratore unico di Aim Paolo Colla e al direttore di Acque Vicentine Fabio Trolese – nel 2015 risulta pari a 668 milioni di euro, mentre l’utile è di 10 milioni di euro, di cui 300 mila euro relativi al Comune. Il totale dell’attivo ammonta a 1 miliardo e 200 mila euro. Il debito, per tutte e tre le realtà, è assolutamente sotto controllo».

Aim Vicenza nel 2015 ha registrato un utile di circa 7,6 milioni di euro e investimenti per 19 milioni di euro. Acque Vicentine segna un utile pari a 3,2 milioni di euro e investimenti per 15 milioni di euro. La presentazione del bilancio consolidato è stata l’occasione per fare il punto anche sulle altre aziende partecipate: «Ad oggi – ha commentato l’assessore Cavalieri – non abbiamo alcuna criticità sul fronte delle società partecipate. Per le pochissime realtà in perdita sono state da tempo avviate procedure di liquidazione, eccezion fatta per il Vicenza Logistic City Center che ha registrato a fine 2015 una lieve perdita pari a 32 mila euro, ma ha presentato un piano di risanamento che prevede il raggiungimento del pareggio di bilancio entro il 2016. Questa situazione colloca Vicenza tra i Comuni più virtuosi del Paese».

Tags: ,