Rimini, 17enne stuprata mentre le “amiche” filmano (e ridono)

Una ragazza di 17 anni, residente nel riminese, è stata protagonista di una vicenda spiacevole e angosciante. Stando a quanto riporta il Resto del Carlino, la giovane è stata stuprata in discoteca dopo aver perso i sensi per l’alcol. Ma non è finita qui: le amiche si accorgono dello stupro e, anziché cercare di impedire l’atto, lo filmano per poi condividerlo su whatsapp.

La vicenda: un sabato sera di qualche mese fa, la giovane si reca in discoteca assieme alle amiche. Qui conosce un altro ragazzo. Poi beve fino a perdere i sensi. Non è chiaro se sia stata costretta a bere o sia stata una sua scelta spontanea. Ad ogni modo, la 17enne perde la capacità di intendere e di volere, mentre il ragazzo ne approfitta trascinandola in un bagno e chiudendosi a chiave.

Quest’azione non passa inosservata: le amiche se ne accorgono e decidono di seguirli. Mentre la loro amica viene violentata, le ragazze si arrampicano sulla toilette e cominciano a filmare con lo smartphone. Secondo quanto riporta la stampa, nel video non si vede il volto della vittima, ma si comprendo come fosse completamente inerme. Il commento sonoro porta con sé le agghiaccianti risate delle amiche, prese a immortalare la scena come se fosse un gioco o uno scherzo.

Il giorno dopo la giovane si ritrova il video su whatsapp – pare non ricordasse nulla dell’accaduto – e si rende conto della violenza di cui è stata vittima. Si rivolge alla madre, che sporge denuncia ai carabinieri. La magistratura sta indagando, ma dalla ragazza ha potuto ottenere poco o nulla dati i ricordi sbiaditi. Toccherà alle amiche spiegare come sono andate le cose. E come mai hanno riso di quell’orrore.

Tags: