Cosmobike, 20 alleati per mobilità urbana sostenibile

Nella settimana europea della mobilità sostenibile Verona torna capitale della bicicletta con Cosmobike Show, la manifestazione dedicata a tutti i prodotti, le idee, le novità del settore delle due ruote a pedale. A tagliare il nastro del salone (ore 10.30, Piazza Italia) sarà il sottosegretario all’ambiente Barbara Degani, accompagnata da Elia Viviani, oro olimpico a Rio nel Omnium su pista. Per 4 giorni, fino al 19 settembre, gli appassionati potranno vedere e toccare con mano le novità in fatto di bici presentate da quasi 500 aziende, provenienti da 23 paesi, con le anteprime 2017, insieme ad abbigliamento, accessori, servizi, cicloturismo, realizzazioni artigianali e su misura. Trentacinque mila metri quadrati di superficie espositiva, tra padiglioni e aree esterne per i bike test, daranno spazio ad un comparto che in Italia vale oltre 1,2 miliardi di euro, con più di 3 mila aziende produttrici coinvolte e circa 10 mila lavoratori occupati. Una filiera fortemente vocata all’export, con oltre 600 milioni di euro (+1,7%) dove il settore di componentistica e accessori rappresenta l’eccellenza in termini di numeri e qualità della produzione made in Italy.

Traffico, alti tassi di Pm10, scarsa sicurezza. Sono partiti in 20 e crescono di giorno in giorno i Comuni italiani che puntano sulla bicicletta per risolvere i problemi della mobilità. La svolta è stata annunciata al CosmoBike Mobility di Veronafiere, dove gli assessori alla mobilità delle città interessate (tra i 30 mila e i 170 mila abitanti) si sono incontrati per pianificare un documento programmatico e lanciare il Club delle “Città 30 e lode“. Trenta chilometri orari in città, aumento delle zone Ztl, riqualificazione e pedonalizzazione di aree nei centri storici sono i principali interventi annunciati per la rigenerazione urbana. «Serve assecondare, attraverso la messa a disposizione dei servizi adeguati, una rivoluzione culturale latente anche in Italia – ha detto Davide Lazzari, assessore alla Mobilità di Pavia e coordinatore della nuova coalizione -. In gioco non ci sono solo le questioni ambientali, che sono fondamentali, ma anche quelle legate alla salute, al portafoglio, alla qualità della vita e all’autonomia dei nostri cittadini. Per questo il nostro manifesto si basa sull’uso intelligente dei servizi al cittadino e sulla continua reciprocità delle nostre esperienze di amministratori».

Ph. cosmobikeshow.com

Tags: ,