Veronesi: «privatizziamo la Fondazione Arena»

Privatizzare la Fondazione Arena: è Sandro Veronesi, patron di Calzedonia, a lanciare la proposta. Le sue dichiarazioni, fatte a margine della presentazione di una nuova collezione Falconieri, sono state riprese dal Corriere del Veneto: «Sì, sono un privatista convinto», premette, «e penso a una Fondazione Arena non privatizzata pro forma, della serie che dietro ci sarebbero sempre Regione e Comune, bensì privata privata, nella logica di qualcuno che ci mette i soldi e deve guadagnare».

Secondo Veronesi, «la Fondazione dovrebbe essere gestita da un privato, che faccia cose belle ai costi giusti, e vada incontro a quel che piace agli spettatori. Ne avremmo tutti da guadagnare. Viceversa l’intervento pubblico, in queste cose, è deleterio. Per questo una Fondazione Arena privatizzata dovrebbe esserlo al 100 per cento».

Due battute anche sul concorso di idee lanciato dall’imprenditor per coprire l’Arena di Verona:««Gli 81 progetti arrivati sono tanti», osserva, certo «bisogna vedere cosa c’è dentro», ma intanto «si sta andando avanti, e questo è positivo».

Sempre ieri, ci sono state in proposito anche questi dichiarazioni del sindaco di Verona Flavio Tosi: « un monumento va difeso anche più della necessità di salvare gli spettacoli: quella difesa è il primo scopo, e quest’anno spendiamo 14 milioni in restauro, con la pioggia primo e principale nemico», ricorda il sindaco,«se dal concorso d’idee emerge una soluzione valida, con l’okay di Sovrintendenza e governo, a quel punto sarà giusto coinvolgere i cittadini veronesi».