Festival Babele, é già polemica Sgarbi-Vaticano

La locandina di lancio del Festival Babele non è piaciuta all’Osservatorio Romano. Come scrive il Mattino, il festival padovano diretto da Vittorio Sgarbi si presenta con una locandina provocatoria. O almeno così sostiene il quotidiano del Vaticano. Si tratta di un fotoritocco dello scatto che vede assieme Papa Francesco e Ahmad Muhammad al-Tayyib, imam dell’Università di Al-Azhar, uno dei principali centri d’insegnamento religioso dell’Islam sunnita.

Papa Francesco e  Ahmad Muhammad al-Tayyib

La foto è vera, i due si sono incontrati a Roma nel maggio di quest’anno. Meno vere sono le proporzioni del dipinto dietro di loro. Trattasi del Cristo risorto del Perugino, che effettivamente si trova dietro i due, ma è qui stato ingrandito fino ad occupare completamente lo sfondo. L’Osservatorio Romano non ha dubbi: «sembrerebbe una provocazione a favore del Cristianesimo». E il Vaticano detiene i diritti di immagine dell’opera, pertanto la locandina dovrà essere ritirata.

Sgarbi si difende: «È tutto rovesciato, mai mi sarei aspettato di essere censurato in questo modo». Sulla foto: «Visto che sguardi tra i due? E poi l’opera del Perugino, che nella foto originaria era coperta, torna al centro, richiama l’arte e dunque me. C’è tutto». Finirà così, con una censura?  «Sì, potremmo andare avanti e rischiare lo scontro legale», ammette il critico, «ma non credo che Bitonci voglia insistere nella provocazione, anche se io l’ho incitato in questo senso. L’alternativa è rispettare la legge».+

festival-babele-completo