Polesine, De Menech: «faide interne al Pd, ora basta»

Dopo l’ennesima faida interna nel Pd polesano – è caduta la giunta di Porto Viro –, il segretario regionale Roger De Menech richiama duramente i dem rodigini. «Una sconfitta per tutti – afferma De Menech, citato dal Corriere del Veneto – non entro nel merito del fatto in sé, ma nel Pd polesano devono prendere atto che o si cambia e si cerca una sintesi o il partito perde credibilità». «Prima c’è stata la sconfitta in Comune a Rovigo, poi il pasticcio sull’elezione della Provincia, ora i fatti di Porto Viro», osserva l’ex segretario regionale. «In tutti i casi è partita la guerra per bande. La situazione ora va risolta all’interno, con maturità».

In attesa di una soluzione interna, continuano le polemiche pubbliche. Julik Zanellato si difende dalle accuse del consigliere regionale Graziano Azzalin: «Se c’è un responsabile dell’epilogo di Porto Viro quello è proprio Giacon. Azzalin sbaglia mira e mi indica come capro espiatorio, per coprire gli errori dell’ex sindaco. Lui e il deputato Diego Crivellari – prosegue Zanellato – ne conoscevano impopolarità e problemi. Ancora a giugno avevo chiesto una correzione di rotta».

A stretto giro di posta, arriva la controreplica di Azzalin: «Se chi sbaglia va rimosso, allora attendiamo fiduciosi le dimissioni urgenti di Zanellato, responsabile principale delle pesanti batoste elettorali di questi ultimi anni. Ammette le proprie responsabilità, di aver agito per far rimuovere Giacon, dimenticando di essere segretario pro-tempore in attesa del congresso provinciale. Parla a nome del Pd senza alcuna delega e senza essersi confrontato con alcun organo del partito? A chi risponde in realtà?».

Tags: ,