Veneto Banca, semestre in rosso di 259 milioni

Veneto Banca archivia i primi sei mesi dell’anno con una perdita netta di 259 milioni di euro. Ad incidere l’incertezza e la posticipata conclusione nell’esecuzione dell’aumento di capitale che hanno condizionato il business ordinario (calo degli attivi fruttiferi superiore al 9% nei sei mesi) e la profittabilità. Inoltre la presenza di significative componenti straordinarie negative e il deciso rafforzamento delle coperture a presidio dei rischi (credito e litigations in primis).

Nel semestre le rettifiche sui crediti di Veneto Banca si sono portate a 258 milioni di euro (in miglioramento dai 307 milioni della prima metà del 2015), corrispondenti a 244 punti base annualizzati di costo del credito. La banca, si legge nella nota sulla semestrale, «prosegue l’attento e rigoroso presidio del portafoglio creditizio che già ha caratterizzato gli ultimi trimestri».