«Gender invenzione di Berlato, cancellare legge regionale»

Risale ad un anno fa l’approvazione da parte del Consiglio regionale del Veneto della cosiddetta mozione «anti-gender», che diede adito a numerose polemiche. «Dopo mesi di diffusione di messaggi allarmanti e privi di fondamento – si legge in un comunicato di Arcigay Vicenza – nelle nostre scuole non si registra nulla di quanto predetto dalle organizzazioni ultra-conservatrici attraverso video virali sul web, mailing list, post su Facebook e messaggini What’sApp».

Dichiara Mattia Stella di Arcigay Vicenza: «chi per mesi ha terrorizzato le famiglie venete dovrebbe scusarsi: l’ideologia gender non esiste, così come non non vi è alcun progetto d’indottrinamento dei più piccoli volto a scardinare i valori della famiglia e a banalizzare qualunque comportamento sessuale. Chiediamo al Consiglio Regionale di rimuovere la mozione Berlato e di impegnarsi nella creazione di corsi di educazione di genere nelle scuole, soprattutto alla luce dei gravi fatti di cronaca emersi in questi giorni». Arcigay Vicenza evidenzia inoltre l’importanza dell’educazione alle differenze e dell’introduzione di politiche «a sostegno di tutti i modelli di famiglia esistenti».