Bellunese rapito, scorta tolta qualche giorno prima

Danilo Calonego, il 68enne rapito in Libia, sarebbe in mano a malviventi locali e non a un gruppo di terroristi. Questo quanto si apprende dalla versione online dell’Ansa. I due operai italiani della Con.I.Cos viaggiavano senza scorta al momento dell’imboscata. Fino a qualche giorno prima erano scortati da uomini armati. La scelta dipende dall’azienda privata.

«Quando una società italiana opera in Libia – spiega infatti il capo dell’Unità di crisi, Claudio Taffuri – la esortiamo a dotarsi di un sistema di sicurezza. Per noi è un paese a rischio, ma capisco le imprese che hanno interesse sul posto e dunque sono invitate a dotarsi di sistemi sicurezza».

Tags: ,