Confindustria Vicenza: «Italia 4.0, atto di giustizia»

Per il presidente di Confindustria Vicenza, Luciano Vescovi, «l’inclusione del Veneto tra i protagonisti di Piano Italia 4.0, con la costituzione di un Competence Center sul territorio, è da considerarsi un atto di giustizia: le nostre aziende lo meritano così come le nostre università e i nostri ricercatori. Non è stato un atto dovuto – precisa -, abbiamo dovuto conquistarcelo, cosa non nuova per il nostro Veneto. Questa volta siamo stati ascoltati, il Ministro Calenda sa benissimo che un piano così ambizioso e, almeno sulla carta, ben strutturato, ha possibilità di riuscire solo se applicato nei tessuti d’impresa dove le cose funzionano».

Secondo Vescovi Confindustria «ci ha messo la faccia a tutti i livelli, si è fatto squadra come territorio e abbiamo ottenuto la vittoria di una battaglia. Ora però, lo spirito di collaborazione che si è venuto a creare, non deve essere dimenticato. È necessario che questa unione – osserva – si mantenga anche in fase di esecuzione e operatività del piano, cosa non semplice. Avevo puntato, nel mio programma, proprio allo sviluppo di questo progetto e credo che questo piano possa accelerare la competitività delle nostre imprese. Ripeto, ci abbiamo messo la faccia per ottenere il Competence Center, ora – ribadisce – siamo pronti a fare il possibile e l’impossibile affinché ci sia un ritorno di quest’investimento per le nostre imprese e, di conseguenza, per tutto il territorio. Ora dobbiamo correre senza indugi perché, come ho avuto modo di sentire direttamente dal Ministro Calenda in Confindustria oggi (22 settembre 2016), – conclude – i tempi della programmazione sono molto ravvicinati, questo ci deve spingere ad assistere le nostre aziende in questo percorso e questa opportunità».

Tags: ,