Le ronde di Joe Formaggio? Da denunce false

I carabinieri hanno fatto confessare Emmanuele Marin, l’operaio 41 enne residente ad Albettone, protagonista di un numero spropositato di denunce e segnalazioni. Stando a quanto riporta il Giornale di Vicenza, l’operaio 41enne si sarebbe inventato di sana pianta i furti e le aggressioni subite nell’ultima settimana. Dopo un primo tentato furto denunciato il 13 settembre, Marin aveva segnalato – con le stampelle sotto braccio – un’ulteriore aggressione da parte dello stesso malvivente. Infine, lunedì il culmine con tre chiamate alle forze dell’ordine.

Ma c’erano diversi elementi che non tornavano ai carabinieri. Dal numero di denunce ai mancati segni di scasso nell’abitazione, fino al contenuto in parte inverosimile dei racconti di Marin, il quale peraltro non portava i segni delle colluttazioni testimoniate. Marito e moglie sono stati così convocati in caserma. Qui l’interrogatorio ha messo a dura prova le versioni dei due, fino a farli crollare ottenendo una piena confessione. I coniugi sono ora indagati per simulazione di reato e procurato allarme.

C’è poi un altro aspetto della vicenda che merita di essere raccontato. Denunciando di essere in pratica perseguitato da un ladro soltanto – «un tipo di circa vent’anni, capelli scuri, pelle olivastra, magro e alto circa un metro e ottanta», aveva detto alle forze dell’ordine, armato di una piccola pistola e all’occorrenza di una spranga – Marin aveva infatti scatenato una caccia all’uomo, condotta dal sindaco di Albettone in persona. Joe Formaggio era infatti sceso in strada armato di fucile e accompagnato da altri residenti.

«Di furti ce ne sono già abbastanza senza il bisogno il inventarli», ha commentato Formaggio, «temo si tratti più che altro di una forma di mitomania». E aggiunge: «già li ho sentiti al telefono e mi sembrano alquanto abbattuti, andrò a trovarli insieme al parroco don Pietro Giuriato. Ringrazio intanto il comandante dei carabinieri Roberto Bisicchia della stazione di Campiglia per aver risolto il caso contribuendo così a sgonfiare l’allarme e la psicosi del ladro che stava prendendo il paese».

Tags: ,