Banco Popolare a caccia di imprese vicentine

Ieri sera alla Fiera di Vicenza, si sono incontrati un centinaio di imprenditori dell’area berica e i vertici del Banco Popolare. «Non siamo venuti a chiedervi di chiudere i conti con un paio di banche che hanno avuto problemi. Non è nel nostro stile», sostiene l’ad del Banco Popolare, Francesco Saviotti, citato dall’Arena, «siamo qui a dirvi che ci siamo anche noi». L’istituto di credito veronese è in caccia grossa: serve clientela e i mezzi per essere aggressivi ci sono tutti dopo aver “fatto i compiti” richiesti dalla Bce in vista della fusione con Bpm.

Saviotti viene da un lungo tour in tutto il Nordest, di cui Vicenza è solo l’ultima tappa. I risultati già si vedono: nell’ultimo anno il Banco ha trovato circa 500 nuovi clienti per 400 milioni di impieghi. «Non vogliamo sostituirci alla BpVi e a Veneto Banca», ha ripetuto Saviotti, «ma siamo qui per fare una proposta come nuova banca che, in prospettiva, avrà anche una divisione corporate dedicata alle imprese sopra i 75 milioni di fatturato».