Tribunale Vicenza, M5S: «istituire commissione di inchiesta»

Sullo scandalo del nuovo Tribunale di Vicenza, si muove anche il Movimento Cinque Stelle di Vicenza. «Il 4 marzo 2014 abbiamo presentato una mozione che prevedeva, tra le altre, l’istituzione di una commissione di inchiesta sull’intera struttura vergognosamente costruita nell’alveo di un fiume», ricorda in una nota il consigliere comunale Daniele Ferrarin. «Tale mozione», aggiunge,«approvata un anno dopo dalla commissione consiliare, non è mai approdata alla discussione in Consiglio Comunale».

Poi l’attacco al sindaco Achille Variati, che all’inaugurazione del Tribunale disse: «”È stata una vera impresa arrivare in fondo a quest’opera. Addirittura ci son voluti due sindaci, peraltro di colore politico diverso. Ma le amministrazioni locali, per loro stessa natura, sono orientate alle cose concrete“». Una «concretezza» che «è sotto gli occhi di tutti: un palazzo che scricchiola e perde i pezzi, si allaga ad ogni temporale mettendo a rischio anche l’incolumità di chi opera e transita al suo interno». Senza dimenticare il direttore generale nominato da Variati, Antonio Bortoli, «cui viene contestata la lottizzazione abusiva e l’abuso d’ufficio, per aver “gestito” la pratica del Piruea Borgo Berga favorendo il privato, con una sproporzione da 11,7 milioni di euro».

Ferrarin rilancia «la proposta di istituzione di una commissione di inchiesta». E aggiunge: «va anche valutata l’ipotesi di sgomberare i nuovi uffici del Tribunale per garantire la sicurezza delle centinaia di persone che in questa struttura vivono e lavorano». Infine, le «gravi inadempienze della Giunta Variati», conclude Ferrarin, «meriterebbero una valutazione degli organi giudiziali competenti al fine di chiarire se le tempistiche di intervento siano compatibili per un recupero dei danni subiti dalla Pubblica Amministrazione».

Tags: ,