Caorle, mafia dietro incendio Fe.Mar?

Dietro l’incendio doloso alla Fe.Mar Ambiente di Caorle (Ve) potrebbe esserci la mafia. È quanto evocato da Diego Giro, direttore dell’azienda. La Nuova Venezia sottolinea come l’ultimo grande appalto preso dalla Fe.Mar riguarda Cremona, tranquilla città lombarda, ultimamente interessata da infiltrazioni della ‘ndrangheta.

La stessa presidente della commissione parlamentare antimafia, Rosy Bindi, aveva evidenziato ancora in estate come da Cremona e Mantova le ‘ndrine stessero cercando di allargarsi al Veneto, puntando soprattutto sugli appalti della sanità e dello smaltimento rifiuti. E gli incendi sono uno dei principali “linguaggi” mafiosi.

Ph. Vigili del fuoco di Caorle