Vicenza, stelle di Natale: Vetrine vs Bulgarini

Trovata l’intesa a Vicenza sugli addobbi natalizi in centro storico. Le stelle, già montate, cederanno ora il passo agli anelli come richiesto dall’amministrazione. Ma non si placa la polemica: «siamo pronti a rinunciare alle stelle. La soluzione degli anelli non mi piace, ma mi adeguo. Non sarò certo io ad andare contro le regole – ribadisce la presidente delle Vetrine del centro, Anna Jannò, sul Giornale di Vicenza – ma era un progetto per il quale ci eravamo già esposti con i nostri associati (…) Qualcun altro dovrà prendersi l’incarico di andare dai colleghi cui avevamo sottoposto il nostro progetto a spiegare che tutto è cambiato», attacca.

Ma il vicesindaco Jacopo Bulgarini D’Elci (in foto) replica amareggiato: «non c’è alcuna contrapposizione tra l’amministrazione e le Vetrine. La spaccatura è tra i commercianti. In ogni caso, è un peccato che una grande associazione storica che si è sempre impegnata su questo fronte non voglia collaborare in questa fase. Vorrà dire che provvederemo noi a contattare i commercianti. Non credo che per loro sarà un problema. A parità di quote, il risultato sarà migliore». Sullo sfondo anche rancori personali: «ho ricevuto offese pesanti dal vicesindaco», ha detto Jannò. Ma Bulgarini non ci sta: «non ho insultato nessuno. Non sono contro di lei, ha personalizzato la questione».