«Bilinguismo veneto, maggioranza divisa su proposta inutile»

«La stessa maggioranza che sostiene la legge sul bilinguismo si divide e blocca il procedimento. La verità è che una proposta così platealmente inutile e utilizzata dalla Lega per promuovere lo spot dell’identità veneta, non convince nemmeno chi l’ha promossa. E in effetti: come si fa a dire che il popolo veneto è una minoranza nazionale? Perché non tuteliamo la qualità della vita dei nostri cittadini invece di proteggerli da una inesistente minaccia culturale?» Queste le parole in una nota della capogruppo del PD in consiglio regionale Veneto Alessandra Moretti.

«Come è possibile – prosegue la democratica – impegnare il consiglio con iniziative come questa quando abbiamo problemi enormi, dallo stallo sulla Pedemontana all’emergenza dei vaccini fino al ristoro dei risparmiatori truffati dal crac delle popolari venete? L’immobilismo leghista diventa sempre più palpabile a fronte di mancanze gravissime. Che la legge sul dialetto sia una bufala è talmente evidente che anche gli alleati di Zaia se ne sono accorti: crediamo sia opportuno un serio ripensamento per valutare un passo indietro su questa proposta».

Tags: