«Fuga di cervelli, infatti all’estero ha vinto Sì». Puppato nella bufera

«Ho recuperato un invito di Grillo a votare di pancia, per ironizzare sul fatto che all’estero i “nostri cervelli” avessero prevalentemente votato per il Sì. Mi spiace se qualcuno si è sentito offeso, ma dopo una campagna in cui si è dato sfogo ad ogni perversione, definendoci serial killer, despoti, analfabeti e traditori della patria, non mi aspettavo certo d’essere in un collegio di educande prive di qualsiasi ironia». Lo dice Laura Puppato, spiegando il proprio tweet sulla fuga dei cervelli: «#Referendum, in effetti a pensarci bene, c’è stata la fuga dei cervelli all’estero. Sarà per quello che solo all’estero ha vinto il #Si?».

«Le battute si possano fare e i centinaia di retweet sono conferma della sua chiara leggibilità, ma se si è in malafede si usa quel tweet per sentirsi utilmente vittima. Siamo bersaglio tutti i giorni di gratuite offese da parte di attivisti M5S e Lega Nord, impressiona vedere che un banale tweet sul tema voto di pancia-voto di testa diventa un caso nazionale – ha detto la senatrice – ricordo, tra l’altro, che la fuga dei cervelli esiste proprio grazie a chi ha governato negli anni passati, tutti partiti e movimenti schierati per il no».

Tags: