Anche parenti fanno causa a Zonin

Sono tre (più la moglie di uno di loro) i parenti stretti dell’ex presidente di Banca Popolare di Vicenza, Gianni Zonin, che hanno fatto causa al loro congiunto. Come scrive Renzo Mazzaro sul Mattino a pagina 15, i quattro hanno perso insieme 3,7 milioni di euro con l’azzeramento delle azioni delle due ex banche popolari venete: 1,7 milioni in BpVi e 2 milioni in Veneto Banca. Al ristorante «devo dare il cognome di mia moglie per evitare di vergognarmi – racconta uno di loro, imprenditore di un’azienda in Emilia Romagna trasferitasi negli ultimi tempi in Veneto – Facevo meglio a stare dov’ero». I tre sono assistiti dall’avvocato padovano Rodolfo Bettiol.