Caccia, Enpa: «ricorso in Consulta contro legge Berlato»

L’Enpa (l’Ente Nazionale per la Protezione degli Animali) si appella al governo, chiedendo di impugnare davanti alla Corte costituzionale la legge approvata martedì in Regione sull’attività venatoria. Come scrive il Corriere del Veneto a pagina 6, la nuova legge a firma del consigliere Sergio Berlato, prevede multe salate (da 600 a 3.600 euro) per chi disturba i cacciatori. Secondo l’Enpa, la nuova norma violerebbe l’articolo 21 della Costituzione che prevede la libera manifestazione del pensiero.

«Questo – rileva l’Enpa – è l’ennesimo regalo alle doppiette; un atto contrario ai cittadini, che costituisce una gravissima restrizione alla libera manifestazione del pensiero e stabilisce altrettanto inaccettabili limitazioni alla libertà di movimento, perché chiunque potrà in qualche modo trovarsi nella condizione d’essere accusato di “disturbare” le doppiette». Gli animalisti criticano anche l’entità delle sanzioni previste: «sono di gran lunga superiori a quelle stabilite a carico dei cacciatori, ad esempio in caso di spari nei centri abitati o in zone vietate, che, è evidente, sono molto più gravi del presunto “disturbo” venatorio».